Gli italiani risparmiano poco, e il 25% non accantona nulla

ricchezza delle famiglie italiane dal 2012 rimane stabile, attestandosi a 9 volte il reddito disponibile, il tasso di risparmio lordo continua a calare. E a fine 2017 risultava pari al 9,7%, a fronte dell’11,8% della media dell’Eurozona. Nel 2004 aveva raggiunto il 15%, superando la media area euro di un punto percentuale. La crisi del 2007-2008 ha segnato un punto di caduta che sembrava destinato al recupero tra il 2012 e il 2014, ma che si è rivelato solo temporaneo.

Quanto a indebitamento, si legge nel rapporto della Consob sulle scelte di investimento delle famiglie italiane per il 2018, le famiglie italiane sono le più virtuose d’Europa. A fine 2017 il rapporto debito/Pil era pari al 40%, a fronte di poco meno del 60% per la media europea.

Le componenti di portafoglio, fondi comuni e titoli di Stato in testa

Per quanto riguarda le scelte di portafoglio Italia ed Eurozona continuano a registrare il tradizionale divario nel peso della componente assicurativa e previdenziale, che nel contesto domestico rimane più contenuto (anche se in crescita), e dei titoli obbligazionari, comunque in diminuzione, riferisce Adnkronos.

Alla fine del 2017 il 29% delle famiglie possedeva però almeno un’attività finanziaria. A pesare di più nella composizione di portafoglio sono i fondi comuni e i titoli di Stato italiani (dopo i depositi bancari e postali). Gli investimenti etici e socialmente responsabili (Sri) sono invece ancora poco conosciuti. Più del 60% degli intervistati dichiara di non averne mai sentito parlare, e meno di un terzo manifesta interesse dopo essere stato informato.

Una capacità ancora contenuta di pianificazione e monitoraggio delle scelte finanziarie

Le famiglie intervistate risparmiano in modo regolare in meno del 40% dei casi, in modo occasionale nel 36%, e il 25% non accantona nulla. In generale, il risparmio regolare è più frequente tra i soggetti più abbienti. Determinanti risultano anche le conoscenze finanziarie, le competenze percepite, l’abitudine a pianificare, e alcune inclinazioni, come l’auto-efficacia, l’ansia finanziaria e l’avversione alle perdite. La maggior parte delle famiglie si caratterizza quindi per una capacità contenuta di pianificazione e monitoraggio delle scelte finanziarie. Il 40% circa non tiene un bilancio familiare, e solo un terzo dichiara di avere un piano finanziario e di controllarne gli esiti.

Comportamenti “critici” nel processo di investimento

I comportamenti nel processo di investimento, si legge ancora nel rapporto, mostrano ancora numerose criticità. La maggior parte degli intervistati dichiara di assumere le informazioni utili per l’investimento dal funzionario di banca o ricorre ai consigli di amici e parenti. Poco più del 20% si affida alla consulenza professionale, o delega un esperto, e il 28% sceglie in autonomia. Ma solo il 25% fa riferimento al prospetto finanziario, e il 40% delle famiglie non monitora i propri investimenti.

Donne, uomini e carriera:la società italiana si è davvero evoluta?

Come è cambiata la società italiana negli ultimi anni? E soprattutto, come è mutato l’atteggiamento nei confronti del ruolo della donna? A sorpresa, l’identikit della nostra società contemporanea probabilmente non è tanto distante dai quadretti familiari degli anni Cinquanta. La ricerca Nielsen ‘Women and Diversity’ su un campione di oltre 30.000 individui in 63 Paesi (Asia-Pacifico, Europa, America Latina, Medio Oriente-Africa e Nord America) tra i quali l’Italia, scatta un’istantanea sul mondo di oggi e parla anche di  pari opportunità, gap gender e divisione dei ruoli.

Italia, in Europa maglia nera per occupazione femminile

Anche se il tasso di occupazione femminile in Italia ha raggiunto a settembre 2017 la cifra del 49,1% (e comunque  l’Italia è al di sotto della media europa di 13,2 punti), il 46% degli italiani continua a pensare che determinate carriere siano più adatte agli uomini piuttosto che alle donne. Va anche peggio sulle diversità salariali: il 46% del campione ritiene infatti che la differenza esista, percentuale che sale al 58% se l’opinione è raccolta soltanto tra le donne. Nonostante oltre la metà della popolazione (52%) dichiari di non credere che debba essere l’uomo a portare a casa lo stipendio e la donna a occuparsi della casa e della famiglia.

Le donne guadagnano meno: lo dice l’Istat

Secondo il Rapporto Istat sui differenziali retributivi pubblicato il 30 dicembre 2016, nel settore privato gli stipendi delle donne presentano una differenza in negativo rispetto a quelli degli uomini del 12%. Il divario diventa del 30% se riferito a posizioni lavorative che richiedono una laurea. A livello dirigenziale, la distanza diventa di una volta e mezzo.

In Italia solo un dirigente su cinque è donna

In Italia solo un dirigente su cinque è donna. In Europa la media è di una donna su tre uomini, afferma Eurostat. Come riporta l’agenzia Ansa, il 55% del campione dello studio di Nielsen dichiara che nelle posizioni di leadership il sesso femminile deve lavorare più duramente per dimostrare le proprie capacità rispetto agli uomini (Europa 57%).

Per le mamme è pure peggio

Sempre secondo le rilevazioni, la posizione di madre è davvero difficile da coniugare con la carriere. Alla domanda se il fatto di avere dei figli costituisca un vincolo per il percorso professionale, il 66% risponde che ciò è vero (Europa 69%). Un dato che dovrebbe far riflettere. Altrettanto difficile la conciliazione famiglia-lavoro. Dall’analisi emerge che il work-life balance è complicato per il 62% degli intervistati (media Europa al 41%) mentre solo il 42% dichiara di potere riservare spazio congruo alla propria vita famigliare (media Europa 49%). Inutile sottolineare che per il sesso femminile le cose vadano decisamente peggio: in questo ambito la quota di difficoltà è del 71% delle donne contro il  52% degli uomini.