Milano, Monza e Brianza, Lodi: buone performance per l’industria manifatturiera e l’artigianato

Nell’area di Milano, Monza e Brianza, Lodi si chiude un ulteriore trimestre di ottimismo per l’industria manifatturiera e l’artigianato. Il secondo trimestre 2018, infatti, mette a segno un lieve, ma positivo, incremento rispetto ai tre mesi precedenti.

I dati del monitor congiunturale

I numeri sono un’anticipazione dei dati dal Monitor congiunturale del secondo trimestre 2018 del Servizio Studi della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi relativi all’industria e dell’artigianato manifatturieri.

Il quadro a Milano

La produzione industriale manifatturiera registra il +2,2% su base annua ed una variazione del +0,3% rispetto al primo trimestre 2018, in leggero rallentamento rispetto all’andamento registrato a inizio anno (+0,6% rispetto al quarto trimestre 2017). Il fatturato estero, la cui variazione tendenziale (rispetto allo scorso anno) si attesta a +5,9%, traina l’andamento positivo del fatturato (+3,4%). Anche gli ordini, variazione in un anno del +1,8%, sono trainati dalla domanda estera (+4,1%), mentre gli ordini interni registrano una crescita del +0,6%. Anche se più caute, restano positive le aspettative per il terzo trimestre 2018, il 58% degli operatori attende stabilità dei volumi nel prossimo trimestre, sulla crescita della produzione industriale, gli operatori ottimisti sono il 25,3% (erano il 33,6%) rispetto ai pessimisti che rappresentano il 16,4%.

Il comparto a Monza e Brianza

Nel secondo trimestre del 2018 la produzione industriale manifatturiera registra una variazione tendenziale del +5,3% (contro il dato medio regionale del +3,9%) ed una variazione congiunturale del +1,6%. Cresce il fatturato su base annua (+8,4%), trainato da un buon andamento, soprattutto, del fatturato estero (+10,2%, contro una media lombarda che si ferma al +6,3%), ma anche dalla performance del fatturato interno (+7,4%) e cresce anche rispetto al trimestre precedente (+2,2%). Gli ordini totali crescono su base annua, registrando una variazione del +3,7% rispetto allo stesso periodo del 2017. Gli ordini esteri mostrano un incremento del +5,7% su base annua e a livello congiunturale del +2,2%. Per la domanda interna la variazione tendenziale si attesta a +2,5%, mentre quella congiunturale a +0,6%. Per quanto riguarda le previsioni sull’andamento nel terzo trimestre 2018, il 20,8% degli imprenditori si aspetta un aumento della produzione industriale mentre è del 12,5% la percentuale che si attende un calo. Produzione stabile per il 66,7%.

L’industria a Lodi

Nel secondo trimestre 2018 l’industria manifatturiera lodigiana registra per la produzione una variazione tendenziale positiva (+4,8% su base annua) e registra -0,2% rispetto al primo trimestre 2018. La dinamica tendenziale degli ordini registra nel complesso una lieve flessione (-0,2%), in particolare la domanda estera si attesta a -2,1% e la domanda interna cresce del +0,7%. A livello congiunturale gli ordini registrano rispettivamente -1% per l’estero e -1,7% per il mercato interno. Il fatturato registra invece una crescita significativa sia rispetto al trimestre precedente del +1,9%, sia rispetto allo scorso anno, con una variazione del +5,6% (fatturato interno +7,1%, e fatturato estero +2,2%). Sul fronte delle aspettative sul terzo trimestre 2018, si aspettano stabilità il 67,6% degli imprenditori, con il 27% che si aspetta una crescita e il 5,4% che prevede un calo della produzione.

Calzature Bruno Bordese, la qualità ai tuoi piedi

Oggi tutti amiamo vestire in una certa maniera e comunicare a chi ci osserva qualcosa della nostra personalità e del nostro modo di essere già in base agli indumenti o accessori che indossiamo. Avere un abbigliamento adeguato per il lavoro così come per il tempo libero o gli appuntamenti mondani è segno di grande cura e caratterizza ogni persona. Le scarpe ad esempio, sono un accessorio importante ed in grado di completare al meglio ogni outfit, aggiungendo quel tocco di eleganza, raffinatezza o sportività desiderato. Ecco perché sono sempre di più i consumatori che non si accontentano più di un semplice paio di scarpe che ben si abbini al proprio modo di vestire, ma gli utenti cercano sempre di più calzature in grado di comunicare agli altri qualcosa che fa parte di se, ed in grado di sposare alla perfezione le esigenze estetiche con quelle di comfort e benessere del piede.

Le calzature Bruno Bordese nascono proprio da questa esigenza, ed oggi offrono a tutti la possibilità di abbinare raffinatezza e ricercatezza ad una comodità che non teme paragoni, ma non solo. Grazie infatti agli ottimi materiali con i quali queste scarpe sono realizzate, nonché mediante tecniche di lavorazione sempre più sofisticate ed efficaci, questo importante marchio è in grado di fornire calzature destinate a durare nel tempo. www.revolutionconceptstore.it mette a tua disposizione un’ampia scelta di calzature Bruno Bordese adatte a qualsiasi momento della giornata o tipologia di impegno e, grazie all’esauriente galleria fotografica che accompagna ciascun prodotto, potrai valutarne in dettaglio le caratteristiche proprio come se le stessi osservando da vicino. Se ami vestire bene e valorizzare il tuo abbigliamento con delle scarpe adeguate, se ami valorizzare la tua figura con calzature raffinate e realizzate con i migliori materiali, Bruno Bordese ha diverse proposte che ti consentiranno di completare il tuo abbigliamento esattamente nella maniera che desideri.

Che fine ha fatto la dieta vegana? Un milione di italiani le ha detto addio

“Siamo ciò che mangiamo”. Ad asserirlo il filosofo tedesco Feuerbach in materia di alimentazione, non solo basilare per sopravvivenza e salute, ma tanto importante da influenzare anche la coscienza ed il modo di pensare.  E se negli ultimi anni la dieta vegana – da molti considerata estremista – ha rappresentato il simbolo di uno stile di vita dettato dai principi etici di rispetto della vita animale e basato sul rifiuto di ogni forma di sfruttamento degli animali in ogni ambito –  dall’alimentazione, all’abbigliamento, allo spettacolo, allo sport –  qualcosa oggi sta cambiando. Lo rivela uno studio di Eurispes presentato da Coldiretti a giugno in occasione del ”Villaggio contadino” di Torino.

Due su tre tornano a essere onnivori

Un esercito di un milione di italiani ha infatti lasciato la dieta vegana, riporta l’Ansa. Praticamente 2 su 3 individui tornano ad essere onnivori. Si riduce quindi a 460 mila il numero persone che portano avanti la scelta di cui – in prevalenza – donne (68% del totale) e giovani (2% degli italiani nella fascia di età 18-24 anni). Una forte battuta di arresto per una alimentazione che esclude – ricorda Coldiretti – la carne di qualsiasi animale e tutti i prodotti di origine animale, dai formaggi alle uova, dal burro allo yogurt, dalla panna al gelato, dal latte al miele. All’interno della dieta vegana basata su cereali, legumi, verdura e frutta sono nate correnti di pensiero alimentare ancora più estremiste come i fruttariani (che mangiano solo frutta caduta dagli alberi, ma escludono limoni, kiwi e ananas), i melariani (che si nutrono solo di mele), i fruttariani crudisti (che ingeriscono solo frutta non cotta e non condita).

Tali numeri però non sembrerebbero basati su rilevazioni statistiche, e questa convinzione di Coldiretti parrebbe addirittura – secondo un comunicato della Lav, Lega antivivisezione – “in contrasto con l’aumento esponenziale dell’offerta di prodotti vegani, dalla grande distribuzione, alla ristorazione collettiva anche scolastica, fino al bar sotto casa”.

Intanto, aumentano i consumi di frutta e verdura

Per la Lav l’epicentro della rivoluzione vegetale è proprio l’Europa, in cui le vendite annuali di alimenti a base vegetale sono cresciute in media ogni anno e a partire dal 2010 dell’8%, il doppio rispetto alla carne. Le stime più recenti prevedono inoltre uno sviluppo del settore –  tra il 2017 e il 2021 – dell’8,29% con una previsione di affari di 5,2 miliardi di dollari entro il 2020.

Google: traduzioni migliori con l’AI. Anche offline

Dopo Microsoft, che recentemente ha aggiunto la capacità di usare i sistemi di AI alla sua app Translator anche offline, ora anche Translate, la app di Google per le traduzioni, ha rilasciato un aggiornamento per dispositivi mobili che migliorerà le traduzioni anche quando l’utente si trovi senza una connessione dati. Con supporto a 59 lingue, incluso l’italiano.

“Siamo in una primavera dell’intelligenza artificiale”, diceva due anni fa John Giannandrea, allora a capo di questo settore di ricerca a Google. Negli ultimi anni infatti sono cresciuti gli strumenti che fanno uso di sistemi di AI per tradurre, ma soprattutto di una sua branca specifica, nota come machine learning, che sviluppa algoritmi in grado di apprendere e migliorare dai dati.

Dalla tecnologia PBMT all’AI

Quando 12 anni fa Google lanciò Translate, disponibile sia su sito che via app, utilizzava una tecnologia nota come PBMT, phrase-based machine translation, la quale spezzava una frase in parole e frasi che venivano tradotte in modo indipendente. Questo dopo aver cercato schemi e pattern statistici su miliardi di combinazioni tratte da traduzioni umane. I risultati non erano sempre egregi, soprattutto se si contava solo su quello strumento per capire esattamente il senso di una frase.

Ma circa tre anni fa le traduzioni sono state rinvigorite da una nuova tecnologia, in concomitanza con la rinascita delle ricerche in intelligenza artificiale, riporta Agi.

La Neural Machine Translation si basa sul deep learning

Da allora Google Traslate ha fatto un balzo in avanti usando una tecnologia, la Neural Machine Translation, NMT, basata sul deep learning (approfondimento profondo, a sua volta una branca del più noto machine learning), alla base di miglioramenti anche in molti altri settori, come il riconoscimento di immagini.

Il deep learning combina reti neurali artificiali, ovvero strati di unità computazionali, che imitano il funzionamento dei neuroni, con grandi quantità di dati. Il risultato è che nel caso delle traduzioni sono le frasi intere a essere considerate e tradotte, invece delle loro singole unità.

Una traduzione più verosimile e “umana”

Per avere una traduzione migliore però, era necessario restare sempre connessi al cloud, ai server dell’azienda. E magari proprio quando più si aveva bisogno della app, non era possibile l’accesso a internet. Se quindi finora la performance di questo genere di servizio dipendeva dalla possibilità di essere connessi alla Rete, ora Google ha trasferito la NMT anche sulla versione offline delle app. Rispetto alla tecnologia usata in precedenza nelle versioni offline, i sistemi neurali usano un contesto più ampio per determinare la traduzione più rilevante, “che poi viene riaggiustata e riorganizzata per suonare più come il parlato di una persona che una grammatica – spiega la produce manager Julie Cattieau sul blog di Google -. Tutto ciò rende i paragrafi e gli articoli tradotti più scorrevoli e facili da leggere”.

Il lavoro occasionale? In Italia non decolla

Sono 592mila gli addetti che nel 2017 hanno svolto un’attività lavorativa occasionale, pari a meno di 10 ore settimanali, e rappresentano il 2,6% del totale degli occupati in Italia (poco più di 23 milioni). Dei 592mila lavoratori occasionali 389mila hanno prestato servizio come dipendenti e gli altri 203mila come lavoratori autonomi.

Secondo l’Ufficio Studi della Cgia, rispetto al 2007, il numero complessivo dei lavoratori saltuari è aumentato del 20,3%, ma il numero di questi lavoratori è leggermente in calo rispetto al picco del 2014 (631mila unità), sia per la ripresa occupazionale sia per la riforma dei voucher, che ha aumentato il ricorso al lavoro irregolare.

Servizi alla persona, alle imprese e alberghiero-ristorazione i comparti dove si concentrano i lavoratori saltuari

Ovviamente questi 592mila lavoratori occasionali sono sottostimati. “Sappiamo benissimo che questo settore presenta zone d’ombra molto estese – spiega il segretario della Cgia, Renato Mason – dove il sommerso la fa da padrone. Tuttavia, è interessante notare che queste occupazioni regolari sono ad appannaggio soprattutto di donne e pensionati e servono ad arrotondare le magre entrate familiari, soprattutto al Sud”.

Due su tre addetti della cosiddetta gig economy sono infatti donne, occupate principalmente nei servizi alla persona, come domestiche, baby-sitter, badanti, o al servizio di attività legate alla cura della persona, come parrucchiere, estetiste, centri benessere, riferisce Adnkronos.

Altri due comparti dove si concentra un’incidenza molto elevata di occupati saltuari sono l’alberghiero-ristorazione e i servizi alle imprese.

I più numerosi sono gli over 65

Gli over 65 sono i più numerosi (6,9%), a cui seguono i giovani tra i 15 e i 24 anni (4,7%).

In valore assoluto il segmento che raggruppa il maggior numero di occupati della gig economy però è quello tra i 45-54 anni, che su una popolazione lavorativa di quasi 7 milioni di persone, sono 156 mila. Inoltre, se a livello nazionale l’incidenza dei lavoratori saltuari sul totale degli occupati presenti in Italia è pari al 2,6%, nel Centro la quota sale al 3%.

In termini assoluti, invece, è il Mezzogiorno l’area geografica che presenta il numero più elevato. Sui 592mila lavoratori occasionali 171mila lavora al Sud, 148 mila sia al Centro sia a Nordovest, e 125 mila a Nordest.

“I cosiddetti piccoli lavoretti sono ancora ad appannaggio di settori tradizionali”

“Questi dati – commenta il coordinatore dell’Ufficio studi della Cgia Paolo Zabeo – evidenziano che la cosiddetta gig economy, sebbene in forte espansione, alimenta un’occupazione on demand ancora molto contenuta. Le opportunità offerte dai siti, dalle applicazioni e dalle piattaforme web, ad esempio, stanno riempiendo le nostre strade di ciclo corrieri, ma i cosiddetti piccoli lavoretti sono ancora ad appannaggio di settori tradizionali, come i servizi alla persona, e in quelli dove è molto elevata la stagionalità. Ambiti, tra l’altro, dove la presenza degli stranieri è preponderante”.

Fatturazione a 30 giorni: tariffe internet più care ma non per tutti

Da aprile 2018 è tornata la fatturazione a 30 giorni e 12 mensilità, e secondo l’ultimo osservatorio di SosTariffe.it è questo il momento giusto per recedere, cambiare gestore e attivare una nuova offerta internet. Al fine di mantenere la spesa annua costante rispetto al vecchio regime a 28 giorni i provider infatti hanno annunciato canoni più cari di circa l’8,6% per chi già è cliente. E se si registrano lievi rincari sulle promozioni ADSL e fibra ottica riservate anche ai nuovi clienti, questo avviene solo per le tariffe Plus, ovvero con chiamate illimitate. Diminuiscono invece i costi delle offerte Base, solo internet o internet con chiamate a pagamento.

Il ritorno alla tradizionale fatturazione mensile non ha sortito l’effetto desiderato

Il ritorno alla fatturazione sul mese solare è stato ultimato gradualmente da tutti i gestori entro il 5 aprile 2018. Prima di questo switch tutte le promozioni dedicate ai nuovi clienti erano proposte ancora con canoni rinnovati ogni 4 settimane, ma il ritorno delle tariffe ADSL e fibra ottica alla tradizionale fatturazione mensile non ha, in molti casi, sortito l’effetto desiderato. Insomma, i vantaggi sostanziali non ci sono stati.

Da gennaio 2018 in media il costo nel primo anno delle offerte Base è diminuito del 3,5%

La ricerca di SosTariffe.it ha analizzato i costi annui delle principali tariffe ADSL e fibra proposte dai provider prima del ritorno alla fatturazione mensile (gennaio 2018) e li ha confrontati con quelli attuali. Da gennaio, secondo le rilevazioni di SosTariffe.it, mediamente il costo nel primo anno delle offerte Base è diminuito del 3,5%, mentre quello delle offerte Plus è aumentato del 4,3%.

Un risparmio di soli 43 euro in 3 anni

Prendendo in considerazione un periodo di 3 anni a partire dall’attivazione, invece, il prezzo complessivo per le offerte Base è diminuito, sempre rispetto al periodo precedente al ritorno della fatturazione a 30 giorni, del 4,4%. Decisamente diverso è il discorso per le offerte Plus, per le quali l’aumento registrato è stato del 3,3%.

Libero mercato e libera scelta

Nonostante questa diminuzione si traduca in cifre non molto alte (11 euro nel primo anno di attivazione e 43 in 3 anni) chi ha attivato un’offerta solo internet o con chiamate a pagamento può essere interessato a valutare altre opzioni presenti sul mercato.

Come difendersi dalle truffe delle cripto valute? I consigli per evitare le frodi

Con il boom delle monete virtuali, o cripto valute, cresce esponenzialmente anche il rischio delle truffe a esse legate. Secondo gli esperti di Eset, la società di antivirus, in Europa il livello d’allerta JS/Coinminer, il malware per il mining delle cripto valute, è ancora altissimo. E nonostante in Italia l’incidenza del malware negli ultimi due mesi abbia subito una battuta d’arresto, scendendo dal picco del 32% di gennaio 2018 al 18% di inizio marzo, a tutt’oggi in Spagna (39%), Ungheria (30%) e Grecia (28%), ad esempio, si registrano percentuali allarmanti.

Android è la nuova frontiera del cybercrime?

La piattaforma Android, rileva la compagnia Eset, non è stata risparmiata dai tentativi di frode, anzi rappresenta la nuova frontiera del cybercrime legato alle cripto valute. Anche perché molti dei servizi e delle app a esse legati non hanno ancora una versione mobile ufficiale. Inoltre, come riporta Askanews, su Google Play è facile imbattersi in valutazioni e recensioni fasulle. Il che aumenta la possibilità per gli hacker di ingannare con facilità gli utenti ignari.

Utilizzare lo stesso livello di cautela adottato per l’home banking

Sono diversi i consigli di Eset per evitare le frodi più comuni collegati alle cripto valute che attualmente minacciano gli utenti di Android. Prima di tutto bisogna trattare gli exchange e i portafogli di cripto valuta, la loro sicurezza e legittimità, con lo stesso, alto livello di cautela adottato per le app di home banking.

Poi, se si desidera scaricare un’app mobile per uno scambio di cripto valuta, o un portafoglio, è necessario assicurarsi innanzitutto che il servizio ne offra una ufficiale. In tal caso, l’app dovrebbe essere collegata al sito web originale del servizio, reindirizzando a un download legittimo. Se è disponibile, utilizzare l’autenticazione a due fattori per proteggere gli account dell’exchange o del portafoglio con un livello di sicurezza aggiuntivo.

Concentrarsi sulle recensioni negative delle app e fare attenzione al numero di download

Quando si scarica un’app da Google Play, bisognerebbe prestare attenzione al numero di download, considerandone anche le valutazioni e le recensioni. Fare molta attenzione alle nuove app pubblicate con recensioni positive dal tono generico, e concentrarsi invece su quelle negative. Se qualcosa sembra troppo buono per essere vero, molto probabilmente è così: è molto improbabile che un’app per Android regali gratuitamente bitcoin o altre cripto valute. Infine, mantenere aggiornato il dispositivo Android, e utilizzare un’efficace soluzione di sicurezza mobile per difenderlo dalle ultime minacce.

Ecco Saturn, il malware estorsore che chiede il riscatto per non uccidere il PC

Sono in arrivo nuovi attacchi informatici che richiedono il riscatto sui computer. I ricercatori del Malware Hunter Team hanno individuato Saturn, un nuovo esemplare di ransomware attivo in-the-wild. Purtroppo il vettore di distribuzione di questo malware non è al momento noto, affermano gli esperti del Cert (Computer Emergency Response Team). Al momento non è chiaro da dove e come si prenda il virus. In ogni caso, la richiesta per liberare il computer dall’infezione è di 300 dollari in Bitcoin, o la funzione di riparazione automatica al riavvio del pc verrà disabilitata, e cancellato il catalogo di backup. In pratica, si può dire che il PC viene fatto morire.

Il malware aggiunge ai nomi dei file cifrati l’estensione .saturn

Una volta lanciato sul computer, avvisa il Cert, “Saturn verifica per prima cosa di non essere in esecuzione all’interno di una macchina virtuale, nel qual caso interrompe il proprio processo”, riporta una notizia Adnkronos.

In seguito Saturn “esegue comandi specifici sul sistema per cancellare le copie shadow di Windows, disabilitare la funzione di riparazione automatica al riavvio ed eliminare il catalogo di backup”. Il malware in questione aggiunge poi ai nomi dei file cifrati l’estensione .saturn. Ad esempio, un file denominato immagine.jpg viene rinominato in immagine.jpg.saturn.

La richiesta di riscatto sotto forma di file, il pagamento sulla rete anonima TOR

Durante la fase di scansione, il virus memorizza in ogni cartella del PC contenente file cifrati i file #DECRYPT_MY_FILES#.html e #DECRYPT_MY_FILES#.txt contenenti la nota di riscatto e un file chiave chiamato #KEY-[id].KEY, in cui [id] è l’identificativo univoco assegnato dal ransomware alla vittima. Quest’ultimo dovrebbe essere utilizzato per accedere al sito per il pagamento del riscatto sulla rete anonima TOR.

Inoltre, Saturn memorizza sul PC lo script #DECRYPT_MY_FILES#.vbs, che fa sì che la macchina infetta “parli” alla vittima mediante una voce sintetica.

300 dollari in Bitcoin per riottenere l’accesso ai file, 600 se si ritarda

Il malware chiede il pagamento di 300 dollari in Bitcoin per riottenere l’accesso ai file cifrati, ma la cifra raddoppia se la vittima non paga entro sette giorni. Il Cert Nazionale raccomanda di non pagare in nessun caso il riscatto richiesto dai cybercriminali, ma al momento “non è disponibile un metodo per decifrare gratuitamente i file presi in ostaggio da questo ransomware”. Gli esperti però stanno analizzando i campioni catturati allo scopo di trovare debolezze nello schema di cifratura, e fortunatamente, la capacità di individuazione di Saturn da parte dei più diffusi antivirus risulta piuttosto elevata. Per prevenire la possibilità di essere vittime della minaccia il Cert mette a disposizione delle linee guida, da consultare su Ransomware: rischi e azioni di prevenzione.

 

Apple punta al mercato degli eBook con una nuova app

La competizione tra giganti del web corre tra le pagine dei libri, o meglio quelle dei libri digitali. Proprio in questi giorni, a breve distanza dallo sbarco degli audiolibri su Google Play Store, Apple ha lanciato il guanto di sfida ad Amazon, indiscusso leader del comparto eBook. Il colosso della mela morsicata, infatti, sta preparando una versione completamente rinnovata della sua applicazione iBooks per iPhone e iPad.

Sarà disponibile entro la fine dell’anno

Stando a quanto anticipa il sito di Bloomberg, la nuova versione dovrebbe essere rilasciata entro la fine dell’anno con un software aggiornato. Ancora, pare che dalla nuova release scomparirà la “i”, diventando solo Books, e che sarà prevista una sezione separata per gli audiolibri. Un altro gossip, sempre stando ai rumors, vuole che la compagnia californiana abbia assunto un ex manager della stessa Amazon, con competenze specifiche sugli audiolibri così da dare ulteriore linfa al progetto. Il team sarebbe al lavoro per creare un’interfaccia utente nuova di zecca, più facile da utilizzare, e un negozio digitale completamente ridisegnato.

Tante le novità dell’App

Come riportano le anticipazioni, l’app introdurrebbe una nuova sezione specifica per i libri che si stanno leggendo in quel momento, chiamata “Reading now” e un’altra dedicata agli audiolibri, che verrebbero così portati in primo piano. “Indiscrezioni in parte confermate da alcuni elementi emersi dalla versione iOS 11.3 del sistema operativo di iPhone e iPad appena rilasciata in versione beta per gli sviluppatori” dice il sito di Bloomberg, come scrive l’agenzia Ansa. Analizzando gli ultimi cinque anni, questo rappresenterà l’aggiornamento maggiore mai effettuato da Apple per il servizio degli eBook. Obiettivo dichiarato dell’operazione, competere con il colosso Amazon, leader del settore.

Competizione aperta dopo lo stop del 2016

Per il gigante di Cupertino si tratta di un’occasione preziosa per rilanciare la gara sul terreno degli eBook col gigante Amazon che ha una buona fetta di mercato grazie ai suoi Kindle e ai tablet Fire. La corsa di Apple subì una battuta d’arresto nel 2016 quando la Corte suprema Usa confermò per l’azienda guidata da Tim Cook la condanna a pagare 450 milioni di dollari per aver concordato con cinque grandi gruppi editoriali pratiche lesive della concorrenza sui prezzi degli eBook. Dopo la condanna, Apple ha concentrato il suo focus aziendale su altri servizi digitali, come Apple Music, Apple Store e la commercializzazione di film. Ma adesso, pare, è il momento di tornare al ghiotto mercato degli eBook.

Linkedin, il decalogo per usarlo bene e trovare lavoro

Linkedin è senza ombra di dubbio il social destinato all’attività professionale. Poche chiacchiere, quindi, e se possibile tanto business. Ma LinkedIn, oltre a creare contatti fra persone potenzialmente interessanti per la propria attività, può essere realmente uno strumento per dare una svolta alla propria vita professionale? Gli esperti di FourStars, agenzia per il lavoro ed ente promotore accreditato dal ministero del Lavoro, dicono di sì. A condizione di seguire con attenzione un preciso decalogo di regole. Se ben applicato, questo prontuario – riportato da AdnKronos – consentirebbe di trovare una nuova occupazione nel 2018.

1 La scelta della foto

L’immagine del profilo dovrebbe essere formale, ma non troppo impostata. Una foto coerente con la propria personalità, senza però scadere nell’eccesso di serietà o nelle foto buffe da social.

2 Occhio al profilo professionale

Per avere successo, il proprio profilo va compilato in modo professionale e soprattutto completo. Linkedin dà indicazioni precise: vanno seguite per inserire i propri dati in maniera dettagliata, con notizie aggiornate e corrette in merito al proprio percorso lavorativo e formativo.

3 Connessioni mirate

Non servono connessioni a “pioggia”. E’ invece utile connettersi con le aziende e le persone che possiedono un profilo professionale interessante o coerente con la propria ricerca. Il consiglio? Cercare un collegamento con tutte le aziende che operano nel proprio settore di riferimento, così da essere aggiornati riguardo le loro attività.

4 Occhio a quello che succede

Controllando le opportunità segnalate nella sezione ‘Lavoro’ si possono scoprire molte offerte di lavoro in linea con i propri interessi, settore, luogo di residenza.

5 I contenuti vanno condivisi

Per farsi notare, pubblicare tanti posto, purché pertinenti, è una buona strategia. Aumentano la visibilità e l’efficacia del profilo, oltre a far sapere quali sono i precisi skills di chi li ha postati.

6 Gruppi di discussione

Conviene scegliere con attenzione i gruppi in cui si parla di argomenti di cui si ha competenza o conoscenza. Grazie alla partecipazione ai gruppi, si può rimanere costantemente aggiornati e incrementare le proprie conoscenze.

7 Quello che non c’è, si crea

Chi è interessato a un argomento specifico, ma non trova un gruppo che ne discuta, può crearne uno e diventarne il protagonista.

8 Conferma competenze, certo che serve

Un obiettivo primario è cercare di ottenere la conferma delle proprie competenze da parte di altri utenti: è fondamentale per migliorare la web reputation.

9 Profilo aggiornato

Per suscitare l’interesse altrui e allargare la rete di contatti professionali, il profilo deve essere aggiornato.

10 Condivisione solo di contenuti interessanti

Con un po’ di lavoro di ricerca, si possono trovare contenuti interessanti da condividere. Chi osserva penserà che chi posta è ben aggiornato e attenti alla propria formazione.